sabato 11 agosto 2007

ma questa non è apologia di reato?

Vi riporto integralmente il testo di una intervista a Vittorio Messori, secondo me è allucinante, pericolosa e scandalosa. Speravo in un atto di coraggio di Santa Madre Chiesa, in una collettiva assunzione di responsabilità, ma dopo le affermazioni di uno dei più importanti rappresentanti della intellighenzia cattolica mi convinco che la Chiesa è irredimibile. Sarà Dio a giudicare quando sarà il momento, ma caro signor Messori finchè i peccati in cui cadono in tentazione i sacerdoti sono elencati anche nel Codice Penale i presunti colpevoli vanno denunciati e devono accettare di essere sottoposti alla giustizia umana. Caro signor Messori, lei non solo confonde colpevolmente pedofilia e omosessualità, ma non potendo negare che la prima è praticata da una percentuale preoccupante dei sacerdoti di fatto ne nega l'esistenza, "chi stabilisce la norma e la soglia d'età?". Perchè a lei sembra la stessa cosa avere rapporti sessuali con un bambino di sei anni o con un adulto? e osa anche chiedere: "E poi su quali basi la giustizia umana santifica l’omosessualità e demonizza la pedofilia?". Per omosessualità si intende un rapporto tra due adulti consezienti, dotati di libero arbitrio e in grado di distinguere ciò che bene e ciò che è male per loro. La pedofilia è un reato, perchè prevede il coinvolgimento di un soggetto minore il cui consenso, qualora vi fosse, è viziato dalla condizione di minorità...o vuole avanzare la proposta di diritto di voto anche per i neonati, se sono adatti a rapporti pedofili, perchè no per il voto? Quanto a Don Gelmini non è accusato di pedofilia, ma di molestie sessuali, non di aver "toccato qualche ragazzo", Codice Penale a parte lei sa o dovrebbe sapere quanto sia eticamente sbagliato per un terapeuta approfittare della propria posizione per ottenere favori sessuali, sbaglio o anche per Codice di Diritto Canonico si configura come reato? Caro signor Messori se la Chiesa vuole iniziare a recuperare credibilità deve immediatamente prendere i provvedimenti previsti dal Diritto Canonico nei confronti di tutti quei sacerdoti che risultino responsabili del reato di pedofilia e poi denunciare alla magistratura tutte le segnalazioni che sono giunte ai vari Vescovi e Superiori di Ordini Religiosi, Congregazioni, ecc.., consegnare alle autorità giudiziarie degli USA i sacerdoti condannati e rifugiatisi nello stato della Città del Vaticano per godere della extra territorialità, infine chiedere perdono alle vittime pubblicamente... e nonostante tutto io continuo a sperare che questo possa accadere, perchè amo la Chiesa e soffro per le sue mancanze...




"IntervistaVittorio Messori

“Il problema? Troppi gay nei
seminari”

GIACOMO GALEAZZIROMAVittorio Messori, lei è coautore di Karol Wojtyla e Joseph Ratzinger: qual è, da ascoltato frequentatore dei Sacri Palazzi, la sua idea sugli scandali sessuali nella Chiesa dopo gli ultimi casi giudiziari di don Gelmini e dei sacerdoti ricattati a Torino?

«Un uomo di Chiesa fa del bene e talvolta cade in tentazione? E allora? Se fosse così per don Pierino Gelmini, se ogni tanto avesse toccato qualche ragazzo ma di questi ragazzi ne avesse salvati migliaia, e allora? La Chiesa ha beatificato un prete denunciato a ripetizione perché ai giardini pubblici si mostrava nudo alle mamme. Queste storie sono il riconoscimento della debolezza umana che fa parte della grandezza del Vangelo.
Gesù dice di non essere venuto per i sani, ma per i peccatori. E’ il realismo
della Chiesa: c’è chi non si sa fermare davanti agli spaghetti all’amatriciana,
chi non sa esimersi dal fare il puttaniere e chi, senza averlo cercato, ha
pulsioni omosessuali. E poi su quali basi la giustizia umana santifica
l’omosessualità e demonizza la pedofilia? Chi stabilisce la norma e la soglia
d’età?»

La Chiesa non controlla più i sacerdoti?

«Nessuno osa più comandare, si
pretende dalla Chiesa il dialogo invece della disciplina. Ci si scandalizza del
sacerdote molestatore, poi però il vescovo diventa un odioso despota se nega
l’ingresso in seminario ad un gay. Ci si indigna dei peccati dei sacerdoti ma se
l’autorità ecclesiastica cerca di imporre le regole scoppia il finimondo e si
grida alla repressione, all’autoritarismo, alla discriminazione. Casi come
quelli esplosi in questi giorni, la Chiesa li ha sempre ricondotti sotto il
proprio controllo. Ma oggi il “vietato vietare” le proibisce di esigere
disciplina al suo interno. La Chiesa ha sempre saputo che seminari e monasteri
attirano omosessuali. Prima era molto attenta a porre barriere all’ingresso e a
sorvegliare la formazione. Chi dimostrava tendenze gay veniva messo fuori. Poi
il no alla discriminazione ha permesso l’ingresso in forze degli omosessuali e
ora la Chiesa paga quell’imprudenza».

I suoi sostenitori definiscono don Gelmini un «santo»

«Non entro nel caso giudiziario, però è indubbio che nella storia
della Chiesa una sessualità disordinata ha potuto convivere agevolmente con la
santità. Sono legato al segreto richiesto dai Postulatori, ma potrei fare nomi
celebri. Il fondatore di molte istituzioni caritative in Europa è stato
proclamato Beato nonostante le turbe sessuali che per un istinto incoercibile lo
spingevano a compiere atti osceni in luogo pubblico. Non mi scandalizzo, penso
ai drammi umani che ci sono dietro. San Giovanni Calabria era un benefattore
dell’umanità, ma è stato sottoposto a sette elettroshock: da psicopatico grave,
da manicomio».

Perché scoppiano adesso questi scandali?

«In America è stata
assolta la maggior parte delle diocesi che invece di patteggiare hanno tenuto
duro e sono arrivate in giudizio. Però è innegabile che oggi nella Chiesa la
castità fa problema. Sul piano umano è disumana. Si resta casti solo se si ha
fede salda, fiducia nella vita eterna. Il deficit non organizzativo, ma di fede.
E non si risolve abolendo il celibato ecclesiastico perché l’80% sono casi gay.
Deviazioni sessuali di preti che mettono le mani addosso agli uomini e ai
ragazzini. La caduta della fede e la rivoluzione sessuale accrescono il
problema. Chi è causa del suo mal pianga se stesso: sono stati eliminati i
controlli per ammettere in seminario pure gli effeminati il cui sogno era stare
in mezzo agli uomini».

Le comunità antidroga sono terra di nessuno?

«La Chiesa
deve tappare i buchi della società laica. I preti antidroga nessuno li
controlla, sfuggono alla sorveglianza dei vescovi e dei superiori perché
diventano superstar, con i rispettivi supporter politici. E così c’è lo
schieramento dei buoni samaritani di destra e di quelli di sinistra, don Ciotti
contro don Gelmini. I preti di Torino sono finiti nella rete dell’estorsione
perché si è inventato il concetto ipocrita di pedofilia. Così un ricattatore
senza arte né parte campa con la minaccia di far esplodere uno scandalo. Una
volta ricattavano i notai con l’amante, oggi la categoria più esposta è il prete
gay».

Un business, come dice Bertone?

«Sì. Negli Usa gli avvocati mettono cartelli
per strada: “Vuoi diventare milionario? Manda tuo figlio un anno in seminario e
poi passa da noi”. Le diocesi sono facilmente ricattabili, preferiscono pagare
anche se innocenti. Temono un danno d’immagine. E l’inquinamento riguarda anche
noi. Il politicamente corretto sta prendendo campo anche nel cattolicesimo
italiano. E i risultati si vedono, purtroppo»."


9 commenti:

Riccardo Artusi ha detto...

Ci sono tante e tali conferme alle accuse rivolte dagli ex comunitari della istituzione del prete don Gelmini che vedrete se il 15 agosto il medesimo non farà un passo indietro -Messori gli ha lanciato il suggerimento, il santo che pecca, che cede alle tentazioni del maligno aha aha ) Tre anni fa ebbi una accesa discussione con l'ex attore del Marco Polo e Amarcord Bruno Zanin che senza peli sulla lingua ci dipingeva la doppia vita di questo prete con un passato che stranamente Zanin conosceva nei dettagli, cosa che ora viene confermata, confermata anche nel libro che non ho ancira letto ma pare parli proprio di Don Pierino il titolo "Nessuno deve saperlo" Vorrei sapere ora cosa dirà Mons. fisichella e l'altro prete acchiappapedofili Don fortunato di Noto. Ricky

TheQueer ha detto...

Un'analisi lucida e tagliente. Complimenti e grazie per essere passata sul nostro blog.

Roberto ha detto...

Non sono l'unico a pensarla in un certo modo, allora! Grazie del tuo passaggio sul mio blog.

alefzero ha detto...

Non sei l'unica ad indignarti.

Rebecchi Lorenzo ha detto...

Ottimo articolo. Sono contento ad non essere l'unico che la pensa in un certo modo.
Dobbiamo lavorare per difendere i nostri piccoli.
Loro sono il futuro del nostro paese.
Spero di potere collaborare con te.

Le nostre idee non moriranno mai.

Rebecchi Lorenzo
GIV Novara

maioba ha detto...

Io non sono per il giustizialismo a tutti i costi. Ma se un cittadino, prete o laico, viene ritenuto colpevole di un reato, dopo attento processo, deve scontare la pena inflittagli. Punto e basta.
Per il resto io sono per principio contro la gogna, perchè molti casi di presunti abusi in America e Irlanda si son rivelati solo pretesti per estorcere denaro alla Chiesa e ai singoli preti: e nessuno ha chiesto perdono a preti di lungo e onorato corso, diffamati e marchiati in un momento.
Come vedi le vittime sono da entrambe le parti, e come sempre è sbagliato dividere il mondo in bianco e nero: ci sono tante sfumature!
Non so nemmeno se ci son preti "nascosti" in Vaticano... Un tempo si nascondevano gli ebrei, ma per altri motivi.
Del resto Messori non ha nessuna autorevolezza in campo cattolico: è un giornalista. Che frequenti salotti episcopali o cardinalizi poco importa... Quindi mi dà fastidio ciò che dice e come gira su certi argomenti, ma so che parla "a nome suo" e non in veste di rappresentante ufficiale...
Ciao. Marco_don

Gnostica ha detto...

Ciao a tutti, proprio oggi ho pubblicato sul mio blog un post nel quale commentavo l'ennesima pisciata fuori dalla tazza" del saltimbanco Messori da Sassuolo. Per chi volesse visualizzare il post, ecco il link: http://teologiadelregno.blogspot.com/2007/08/siamo-tutti-santi.html

brava, Kondiaw, hai centrato il nocciolo della questione: la giustizia, in uno stato democratico e sovrano come l'Italia (almeno sulla carta cstituzionale), non l'amministra il Vaticano, ma le autorità giudiziare preposte. Messori non ha alcuna autorità né di condannare né di assolvere chichessia, incluso un pretuscolo traffichino come don Gelmini. Ma come al solito Messori dimentica il principio della separazione dei poteri in Italia.

Gnostica

Verrocchio ha detto...

Ma esiste ancora lo stato Pontificio? Per i religiosi vige l'extraterritorialità?
Ogni volta che si indaga su un sacerdote, la Chiesa -o chi per essa- si richiama ai provvedimenti interni presi dai superiori del presunto colpevole come fosse l'unica autorità in diritto di giudicarlo.


Complimenti, kondiaw, per le tue parole, anche perchè -se non ho equivocato- sei una voce cattolica (ma fai parte dei cattolici pensanti, per fortuna!).

A presto

kairos71 ha detto...

mah! saranno i segni del sacro violento che si decompone... tuttavia mi sembra che a frequentare certi ambienti si rischi di più di quanto si acquisti. Nessuno può scagliar pietre, ma certo può trarre conclusioni: melgio andarsene da una sitituzione che mi accusa di essere un criminale come uno che violenta i bambini. Non c'è nulla da imparare in una istituzione in cui pochissimi, anzi nessuno, grida fuoir dal coro, in cui non c'è una vera rivolta delle anime. Lasciamo questa Sodoma che ingora l'accoglienza al suo destino di fiamme e zolfo. facciamo altro fuori. Non ci crederete ma c'è aria fresca da tante parti.

Stefano